Vai ai contenuti

Menu principale:

RADIO > ARANCIA

La Storia
ORDINE SPARSO nasce ufficialmente nell’ottobre del 1976 anche se in realtà i due autori Massimo Cerioni e Gianfranco Lombardi avevano costituito il loro sodalizio alcuni mesi prima per condurre, sempre sui mitici 104 Mhz di Radio Arancia, una trasmissione notturna, in onda quotidianamente dalla mezzanotte a “quando ci viene sonno”. Il titolo era tutto un programma: “Musica e scemenze”, realizzato con la collaborazione dei nottambuli anconetani che telefonavano in trasmissione per raccontare gustosi episodi e aneddoti di vita vissuta, sempre in chiave umoristica. Purtroppo (o per fortuna) di questo primo “proto-programma” non è rimasta traccia  semplicemente perché, essendo in diretta, non veniva registrato. In diretta furono trasmesse anche le puntate della prima serie di ORDINE SPARSO (1976-1977). Il programma andava in onda dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 ed era condotto anche da Roberto Jorio noto DJ dell’epoca che curava la parte musicale.

La trasmissione era un contenitore di musica, quiz telefonici, gossip e soprattutto di interventi di personaggi più o meno ruspanti che “disturbavano” continuamente il tentativo dei conduttori di portare avanti un programma “normale”. Dalla seconda serie (1977-1978) il programma assunse un aspetto più “cabarettistico” che lo caratterizzerà per tutti gli anni a seguire; trasmesso sempre dal lunedì al venerdì, ma con una durata di 60 minuti, divenne un appuntamento fisso per tutti gli ascoltatori di Radio Arancia, andando in onda, praticamente senza interruzioni fino al 18 luglio del 1982 (di questa ultima, storica puntata siamo riusciti a recuperarne solo una piccola parte). A sette anni dalla loro nascita, le radio private, pur vivendo in un vuoto legislativo praticamente assoluto, cominciavano a diventare delle vere e proprie imprese e la loro grande penetrazione d’ascolto cominciò a destare l’interesse delle case discografiche che vedevano nelle grandi emittenti locali un ottimo veicolo promozionale per artisti più o meno conosciuti i quali venivano ben volentieri in studio a promuovere dischi e tour (ricordo una memorabile diretta con Renato Zero dopo un suo concerto al Metropolitan di Ancona con le telefonate del pubblico che dovemmo interrompere a forza alle 3 di notte). Questa nuova collaborazione con le case discografiche (mandavano decine di dischi e di biglietti gratis) portò molte emittenti ad aumentare gli spazi musicali a scapito dell’intrattenimento puro e del “parlato” in genere cosicché programmi come ORDINE SPARSO in cui la musica era solo un collegamento tra una gag e l’altra ed inoltre ad essere trasmessi non erano sicuramente “gli ultimi successi”, trovarono sempre meno spazio negli orari di più alto ascolto cosicché, con grande dispiacere, Cerioni, Lombardi, Oscar e tutti gli altri personaggi emigrarono in quel di Marina di Montemarciano dove aveva sede una emittente emergente in ambito regionale: RADIO GALASSIA. Il 19 ottobre 1982 venne trasmessa la prima puntata di ORDINE SPARSO su Radio Galassia sulle cui frequenze continuerà ad andare in onda fino al 1985, quando si chiuderà definitivamente il primo capitolo della storia del programma. Una breve "reunion" dei personaggi principali delle vecchie serie avvenne sulle frequenze di Radio Galassia nel maggio-giugno del 1993 ma purtroppo gli impegni derivati dal ruolo di "direttore dei programmi" di Galassia TV non permisero a Cerioni di restare in onda a lungo come avrebbe voluto. Dopo anni, in cui le rispettive esigenze lavorative portarono i due autori-conduttori su strade diverse, nel 2007, Cerioni e Lombardi si ritrovano e tornano in onda, questa volta su RADIO CONERO, con una serie “rievocativa” di 25 puntate (che trovate alla pagina RADIO CONERO) alla quale presero parte anche tutti i vecchi personaggi delle prime serie compresi degli "outsider" come Massimo Carboni, Gianni Maggi e Elio Baruffa. Per il momento la storia di ORDINE SPARSO si chiude qui ma attenti, presto su questo sito potreste avere una sorpresa …

La pre-sigla di Ordine Sparso 1980

Torna ai contenuti | Torna al menu